News Serie A

Playoff Serie A – Reggio è più viva che mai e vince Gara-3 contro una Milano confusionaria

Reggio Emilia dimostra di essere ancora viva e conquista una vittoria fondamentale in Gara-3, dominando a rimbalzo e trovando risposte importanti da tutti gli effettivi; Della Valle, Needham, Polonara e Lavrinovic sono i giocatori chiave nella vittoria reggiana, ma è fondamentale anche l’apporto offensivo di Kaukenas e quello difensivo di Silins, che tiene bene a bada un Rakim Sanders irriconoscibile. L’Olimpia paga la poca intensità in fase offensiva e le pessime prestazioni personali della coppia Gentile-Sanders, con le due ali biancorosse che sembrano prendersi un turno di pausa dopo aver dominato letteralmente i primi due atti della Serie.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA EA7 EMPORIO ARMANI MILANO
81
72
SERIE 1-2

I 5 NUMERI DELLA SFIDA

-5 – La valutazione di Rakim Sanders nel primo tempo di questa Gara-3: l’ala statunitense non riesce mai ad essere incisivo, trovando uno 0/3 al tiro e ben 2 falli subiti in soli 9 minuti sul parquet. Sanders è stato fondamentale nel doppio confronto giocato al Forum di Assago, ma in questo terzo atto della Serie soffre tremendamente la difesa dei padroni di casa e non riesce nemmeno a far valere il suo strapotere fisico per trovare comode soluzioni vicino al ferro.

15 – I punti di Darjus Lavrinovic nel primo tempo, con il centro lituano che ha fatto il bello e il cattivo tempo nell’area milanese dimostrando di leggere al meglio ogni cambio difensivo dell’Olimpia e trovando gran ritmo anche in post. Il 6/6 da due punti la dice lunga sul primo tempo del lituano – che peraltro gioca solamente 11 minuti nella prima metà di gara – e sul talento di un giocatore intramontabile, fondamentale sempre e comunque nell’economia delle rotazioni di coach Menetti.

6 – I punti realizzati da Jamel McLean nella terza frazione: il lungo statunitense è fondamentale nella rimonta con cui Milano si porta sul – al 30′; l’ex-Berlino si fa trovare in posizione perfetta dopo ogni transizione veloce derivante da rimbalzo difensivo e gioca benissimo il pick&roll con un Cinciarini particolarmente ispirato in cabina di regia dopo le difficoltà patite nei primi due atti della Serie. Da giocatore sacrificabile nell’ottica del turnover, secondo gran parte dell’ambiente milanese, a totem fondamentale tra Semifinale e Finale: il passo, in certi casi, è davvero proprio breve, specialmente nella pallacanestro.

2 – Le triple di Amedeo Della Valle che chiudono la terza frazione, proprio come in Gara-2, ma stavolta fondamentali per mantenere a distanza Milano e rendere vane le giocate di un Kruno Simon incontenibile negli ultimi minuti della frazione (7 i punti del croato nel terzo quarto). La guardia italiana regala giocate incredibili proprio nel momento clou, quando i suoi compagni sembrano patire le corte rotazioni e i problemi di falli dei lunghi. La bomba con cui chiude la frazione è un qualcosa di incredibile per coefficienza di difficoltà e bellezza nella meccanica di esecuzione, anche perché la difesa dell’Olimpia non gli concede mai tiri aperti.

16 – La valutazione di Derek Needham, fondamentale nell’ultima frazione grazie ai 10 punti (2 triple da distanze siderali) e ai 2 recuperi difensivi che spengono definitivamente i sogni di recupero milanesi. Il play statunitense torna sui livelli difensivi cui ci aveva abituato nella Semifinale contro Avellino ed è un fattore clamoroso anche in fase offensiva nell’ultimo quarto; quando gioca così è una pedina fondamentale nello scacchiere dei reggiani, poiché riesce a mettere in crisi i play avversari con una difesa asfissiante (non è un caso che, in Gara-2, Reggio aveva sofferto moltissimo Kalnietis poiché Needham aveva commesso 3 falli nella prima frazione di gioco).

@ PalaBigi – Reggio Emilia
TABELLINO COMPLETO

REGGIO EMILIA I NUMERI DELLA PARTITA MILANO
20 – Lavrinovic PUNTI Kalnietis – 15
10 – Polonara RIMBALZI Kalnietis – 6
– Needham ASSIST Gentile – 4
20 – Della Valle VALUTAZIONE Kalnietis – 17