Playoff Serie A: Sassari e Reggio Emilia dominano, Roma e Cantù non pervenute

E’ una prima giornata di playoff entusiasmante quella che vede uscire meritatamente vincitrici Sassari e Reggio Emilia, ai danni rispettivamente di Cantù e Roma. Se il risultato tra sardi e lombardi ce lo si poteva aspettare, ben più sorprendente è invece la sconfitta di Datome e compagni che, dopo essersi piazzati al terzo posto in classifica, iniziano in salita questa post season. Ma andiamo a vedere cos’è successo:

Banco di Sardegna Sassari- Lenovo Cantù 90-70
Sassari ha dominato dal primo all’ultimo minuto, mentre Cantù non è mai entrata in partita. L’impressione è che se Diener e compagni continueranno sulla falsa riga di Gara 1, questa serie potrebbe finire ancora prima del previsto. Per la squadra di casa ottima prestazione da parte di tutti,  in particolare Sani Becirovic che in soli 13 minuti ha tenuto un clinic cestistico per tutti i fortunati spettatori: 16 punti (3/3 da due e 2/3 da tre) 5 assist e 25 di valutazione. Sassari ha giocato con una marcia diversa rispetto alla Lenovo Cantù, una squadra che in questa Gara 1 si è dimostrata lenta ed impacciata nella manovra offensiva. Per i Brianzoli non si salva nessuno, escluso Aradori che però dopo 12 minuti di gioco e 10 punti è dovuto uscire dal campo per un problema fisico. Partita quasi perfetta per la Dinamo, che ha tirato con il 60% da due e il 40% da tre, dominando anche sotto i tabelloni. Per provare a crederci Trinchieri dovrà ritrovare i vari Tabu, Cusin, Leunen e Jeff Brooks: oggi davvero imbarazzanti. Sassari vola, Cantù ha il fiatone. Serie già scritta?

Banco di Sardegna Sassari: Drake Diener 20 (punti), Becirovic 16, Travis Diener 13.
Lenovo Cantù: Ragland 14, Tyus 10, Aradori 10.

MVP: Sani Becirovic

Virtus Roma- Trenkwalder Reggio Emilia 58-70
La serie che doveva essere la più equilibrata tra le quattro, si apre sotto il segno del dominio da parte della Trenkwalder Reggio Emilia, che sbanca il Palatiziano grazie ad una gara attenta ma soprattutto intensa in difesa, limitando a soli 58 punti realizzati una squadra come l’Acea Roma. Datome e compagni hanno fatto terribilmente fatica ad entrare in partita, complice forse un po’ di tensione, in quanto diversi giocatori della squadra capitolina erano al loro esordio nella post season italiana. Roma spreca quindi un’occasione per portarsi in vantaggio, sfruttando il vantaggio del fattore campo, ma una piccola rimonta nell’ultimo quarto non poteva cancellare una partita giocata davvero in modo pessimo dai ragazzi di coach Calvani. Reggio Emilia continua a sorprendere, nonostante ormai non ci stupiscano  più di tanto le imprese di questa squadra: dalla LegaDue ai Playoff di Serie A in una sola stagione non basta, che l’obbiettivo sia quello di passare il turno? Tutto è possibile.

Acea Roma: Datome 19 (punti) , Taylor 12, Lawal 11.
Trenkwalder Reggio Emilia: Taylor 17, Bell 15, Cinciarini 10.

MVP: Dominic James

FOTO: Federico Rossini