News Serie A

Semifinali Final Eight – Milano supera agilmente una Cremona in debito d’ossigeno

Andrea Cinciarini (EA7 Emporio Armani Milano) durante la semifinale della BEKO Final Eight 2016 fra EA7 Emporio Armani Milano e Vanoli Cremona.

Basket - Milano 20/02/2016 - Stefano Gariboldi/Newphotopress © All Rights Reserved
Andrea Cinciarini (EA7 Emporio Armani Milano) durante la semifinale della BEKO Final Eight 2016 fra EA7 Emporio Armani Milano e Vanoli Cremona. Basket - Milano 20/02/2016 - Stefano Gariboldi/Newphotopress © All Rights Reserved

Milano vola in Finale dopo un match a senso unico, caratterizzato soprattutto da come Cremona paga le cortissime rotazioni e la fatica dell’impresa contro la Dinamo Sassari di ieri sera. Difficile anche individuare chi sia il migliore di questa Olimpia, nonostante Simon sia sempre più l’uomo chiave per spezzare il match e far scappare i biancorossi (i 10 punti realizzati nel solo primo quarto ne sono la testimonianza). Il Forum si gode anche il rientro nelle rotazioni biancorosse di un Kalnietis che solo ieri era stato tenuto fuori per un problema alla caviglia, a testimonianza della lunghezza del roster milanese.

VANOLI CREMONA EA7 EMPORIO ARMANI MILANO
58
90

I 5 NUMERI DELLA SFIDA

10 – I punti realizzati da Kruno Simon, vero mattatore del primo quarto con le classiche triple a spezzare il ritmo degli avversari e con qualche penetrazione di rilievo; se alla fase offensiva ci si aggiunge il fatto che conquista 5 rimbalzi (di cui 1 offensivo) e difende perfino su Washington rifilandogli una stoppata mica male, si capisce l’impatto devastante della guardia croata nelle prime battute del match. A ben coadiuvarlo ci pensa un Jamel McLean in versione inizio stagione, devastante in transizione ed esplosivo sotto le plance (sono 7 i punti nella prima frazione per l’ex-Alba Berlino).

13 – I rimbalzi offensivi conquistati dall’Olimpia nel primo tempo (il computo totale dice 30-14 in favore di Milano nel conto delle carambole): eppure i biancorossi realizzano solamente 11 punti da seconda opportunità nonostante il dominio sotto le plance. Chiave tattica il ruolo di Simon come falso play anche quando in campo sono presenti Kalnietis o Cinciarini; questo non tanto per la costruzione di gioco, peraltro situazione in cui il croato è maestro, quanto per il suo ruolo nei rimbalzi conquistati dai piccoli.

10  I punti realizzati da Rakim Sanders nel terzo quarto, la frazione in cui Milano chiude la pratica con un parziale di 14-31; l’ala ex-Sassari si prende la scena con giocate interessanti e, a tratti, spettacolari, dimostrando di essere perfettamente rientrato in forma dopo l’infortunio e di poter contribuire degnamente a una finale in cui vivrà un’interessante sfida con James Nunnally. Le potenzialità per essere la prima bocca da fuoco di questa Olimpia ci sono tutte, ma rimane sempre il dubbio di come sarà la coesistenza in un quintetto con Alessandro Gentile; per ora, però, i biancorossi si godono un giocatore ritrovato e atleticamente devastante.

30 – La valutazione complessiva di Cremona a fine partita, dato che testimonia il crollo atletico-mentale della Vanoli in questa Semifinale; certo, i lombardi devono fare i conti con rotazioni corte e qualche acciacco fisico negli uomini chiave, ma in un match del genere ci si aspetterebbe ben altro approccio. L’unica statistica in cui Cremona è meglio di Milano è quella dei turnover (15 contro i 20 dell’Olimpia), mentre per il resto è un dominio biancorosso in ogni singola statistica. Nella débacle cremonese l’unico a salvarsi è Deron Washington, autore di 15 punti e 5 rimbalzi prima di lasciare il campo al giovane Boccasavia.

13  I punti realizzati da Andrea Cinciarini, alla seconda partita consecutiva in cui convince senza alcun dubbio in cabina di regia e in fase di realizzazione; si prende i tiri che ha nelle corde e gestisce bene i possessi offensivi anche quando l’Olimpia è ormai volata sul +20 e non ha alcuna intenzione di farsi riprendere. Convince a pieno tanto da meritarsi l’ovazione di un Forum che finalmente capisce il valore del giocatore e lo aiuta a scrollarsi di dosso la scimmia con cui aveva iniziato una stagione finora non positiva.

@Mediolanum Forum – Assago (MI)

TABELLINO COMPLETO

CREMONA I NUMERI DELLA PARTITA MILANO
14 – Washington PUNTI Simon – 17
6 – Dragovic RIMBALZI Simon – 9
– tre giocatori ASSIST quattro giocatori – 3
17 – Washington VALUTAZIONE Simon – 22