TOP e FLOP, 18a giornata: Anosike è uno dei migliori del campionato, prestazione da incubo per Leunen

Brad Wanamaker (Pistoia) Il miracolo della Giorgio Tesi Group Pistoia, che è ormai a soli due punti dalla zona Playoff, passa anche e soprattutto dalle mani di Brad Wanamaker. La combo guard di Philadelphia ha giocato un’altra partita delle sue e ha permesso ai toscani di ottenere un’importantissima vittoria ai danni della Dinamo Sassari. I sardi hanno dovuto fare a meno dell’infortunato Drew Gordon e Pistoia ne ha approfittato. Wanamaker è stato MVP con 15 punti, 7/12 dal campo, 10 assist e 25 di valutazione.

Adrian Banks (Varese) Dal suo ritorno in Italia, si è abbattuto con spettacolare grinta sul nostro campionato. Adrian Banks non è più il giocatore di complemento della passata stagione, ma è a tutti gli effetti la stella della Cimberio Varese. Tutto il suo bottino realizzativo lo ha collezionato in un primo tempo indimenticabile da 25 punti, 7/8 dal campo, 9/10 dalla lunetta, 6 falli subiti, 2 assist e 33 di valutazione. Nel secondo tempo, per l’appunto, è stato tenuto a 0 da una difesa che ha pensato unicamente a limitarlo. Senza il primo tempo di Banks, tuttavia, la Cimberio avrebbe potuto iniziare la ripresa in svantaggio dopo il gran secondo periodo disputato dalla Reyer: tra il 10’ e il 20’ Banks ha infatti segnato 13 dei 22 punti biancorossi.

Rimantas Kaukenas (Reggio Emilia) L’età non conta. Per portare fuori la Grissin Bon dalla crisi ci è voluto Rimas Kaukenas, il 36enne lituano di ritorno nel campionato italiano dopo le due parentesi allo Zalgiris Kaunas e al Laboral Kutxa. Reggio ha avuto diverse difficoltà anche in una sfida apparentemente innocua contro una Sutor che ha visto uscire Josh Mayo per infortunio. Kaukenas ha segnato l’incredibile cifra di 16 punti nel quarto periodo, arrivando quindi alla sirena finale con 24 punti totali, 4/6 da due, 5/9 da tre,2 palle recuperate, 3 assist e 24 di valutazione.

Kaloyan Ivanov (Avellino) Kaloyan è tornato nel quintetto top dopo l’ottima prestazione della Sidigas Avellino sul campo dell’Acea Roma. Da quando coach Vitucci ha messo fuori squadra Dean e Richardson, i biancoverdi hanno ottenuto due vittorie consecutive. Sono stati in particolari i due lunghi della Sidigas, Ivanov e Will Thomas, a propiziare la vittoria degli ospiti. Thomas ha collezionato 22 punti e 11 rimbalzi. Ivanov ha chiuso l’incontro con cifre simili a quelle del compagno di squadra: 18 punti, 7/11 da due, 12 rimbalzi e 22 di valutazione.

O.D. Anosike (Pesaro) – MVP di giornata Come regola di massima ci siamo imposti di includere nel quintetto top solo giocatori di squadre che hanno vinto. Per questo Anosike non è una presenza fissa. Le due vittorie della Vuelle nelle ultime tre partite ci hanno permesso di dare a O.D. lo spazio che si merita in questa rubrica. Anosike è, senza mezzi termini, uno dei migliori giocatori del campionato. Una grande pescata per Pesaro, anche se al momento non sufficiente per conquistare la permanenza nel massimo campionato. Anosike ha demolito Cantù, questa volta senza neanche bisogno di conquistare un gran numero di rimbalzi (6). Decisivi per la vittoria di Pesaro sono stati i suoi 25 punti con 7/9 dal campo e 11/15 dalla lunetta.

TOP 5

 Brad Wanamaker

 Adrian Banks

 Rimas Kaukenas

 Kaloyan Ivanov

 O.D. Anosike

WANAMAKER

BANKS

KAUKENAS

IVANOV

ANOSIKE

FOTO: eurobasket.com

Stefhon Hannah (Caserta) La costante della stagione del playmaker di Caserta è la difficoltà nel dare continuità alle sue prestazioni. Settimana scorsa ha condotto l’attacco della Pasta Reggia a segnare 100 punti contro Pesaro, questa volta i bianconeri sono stati fermati a quota 43 dall’EA7 Milano. Hannah è stato completamente limitato dalla difesa messa in campo da Luca Banchi: 8 punti, 2/12 dal campo, 3 falli, 3 palle perse, 0 assist e -5 di valutazione in 21 minuti.

MarQuez Haynes (Siena) Perdere sul campo di una Granarolo Bologna priva di Matt Walsh non può essere un risultato da ignorare. Tomas Ress ha dichiarato di essere molto contrariato per l’attitudine difensiva di alcuni suoi compagni di squadra. Al di là degli errori difensivi – la Montepaschi ha comunque subito solo 57 punti –, la squadra di coach Crespi ha tirato con percentuali disastrose: 37.1% da due, 24% da tre. Dopo la partenza di Hackett, i campioni d’Italia hanno puntato su MarQuez Haynes e Matt Janning. Haynes aveva esordito alla grande con 24 punti e 28 di valutazione contro Varese, ma le sue prestazione sono andate in calando. Contro Bologna ha messo assieme 8 punti, 3/13 al tiro, 4 palle perse  e-4 di valutazione.

Bobby Jones (Roma) A tenere Roma in piedi nel match contro la Sidigas ci hanno pensato Phil Goss (26 punti con 10/13 da due), Quinton Hosley (20 punti e 8 rimbalzi) e Trevor Mbakwe (11 punti e 19 rimbalzi). A Luca Dalmonte è mancato totalmente l’apporto di Bobby Jones, uno dei giocatori più positivi per Roma nelle ultime giornate. L’americano si è trovato in netta difficoltà contro la formazione irpina ed è a malapena riuscito a scrivere il suo nome tra i marcatori dell’incontro: 5 punti, 2/5 dal campo, 1 rimbalzo, 3 palle perse, 5 falli, -11 di plus/minus e 0 di valutazione in 23 minuti.

Maarten Leunen (Cantù) – WVP di giornata Leunen non ci ha capito molto nella trasferta di Pesaro ed è incappato in una delle sue peggiori prestazioni da quando è sbarcato in Italia. Sacripanti è stato costretto a tenerlo a lungo in panchina per problemi di falli e non solo. I tifosi dell’Acqua Vitasnella se non altro hanno potuto gustarsi i 10 minuti di Abass in campo con 10 punti, 6 rimbalzi e 14 di valutazione, ma è chiaro che la serata storta di Leunen ha dato un grande vantaggio a Pesaro per ottenere la vittoria. L’ala di Cantù ha chiuso l’incontro con 0 punti, 0/6 al tiro, 4 falli e -11 di valutazione

Curtis Kelly (Cremona) Non era impossibile sconfiggere questa Enel Brindisi che ha segnato solo 64 punti al PalaRadi, ma la Vanoli è stata costretta ad interrompere la serie di vittorie consecutive. Nel secondo periodo la squadra di coach Pancotto ha segnato la miseria di 5 punti ed è arrivata alla sirena del 40’ con 11 punti di svantaggio dalla Enel. Se Rich, al rientro, non ha fornito una prova indimenticabile (11 punti, 5/13 al tiro), Kelly dalla panchina non è stato in grado di aggiungere quel qualcosa che avrebbe permesso a Cremona di rimanere attaccata alla gara: 0 punti, 0/6 dal campo, 2 falli e 0 di valutazione in 13 minuti.

FLOP 5

Stefhon Hannah

MarQuez Haynes

Bobby Jones

Maarten Leunen

Curtis Kelly

HANNAH

HAYNES

JONES

LEUNEN

KELLY

FOTO: eurobasket.com