Roma, il peggio è passato? Il rinnovo di Taylor è un ottimo segnale per il futuro

Nonostante manchino ancora tre giornate al termine del campionato, la Virtus Roma ha già iniziato a programmare la prossima stagione. Il primo tassello della Roma del futuro è Jordan Taylor: il playmaker, che assieme a Gani Lawal forma l’asse play-pivot più devastante e spettacolare della Serie A, è una delle chiavi del successo dei capitolini, che hanno deciso di rinnovare per un’altra stagione il suo contratto. Questo è un segnale molto importante per l’ambiente, che paradossalmente ha ritrovato entusiasmo proprio nell’anno più difficile, economicamente parlando, della società giallorossa.

Solo un anno fa la Virtus ha attraversato un periodo molto duro, determinato dal disinnamoramento del presidente Claudio Toti, stufo delle critiche per gli scarsi risultati ottenuti dalla squadra sotto la sua gestione. Toti, però, alla fine è rimasto al suo posto, garantendo la presenza di Roma anche in questo campionato, seppur con un budget decisamente ridotto. Si prospettava un’annata difficile, ed invece, grazie alla bravura ed alla competenza della società e dello staff tecnico, è stata allestita intorno a Gigi Datome una squadra di tutto rispetto, che si sta affermando come una delle più solide ed entusiasmanti del campionato.

Ora la Virtus ha davanti a sé dei playoff tutti da vivere: quest’anno la lotta scudetto è aperta come non mai e sognare in grande è lecito, soprattutto se si ha il miglior giocatore del campionato ed un gruppo solido e rodato. Ma ciò che più conta è che Roma ha trovato la strada giusta per tornare ad essere considerata tra i top team italiani, pur non avendo a disposizione i budget di Milano e Siena. Questo dimostra che una programmazione seria e delle scelte attente si sposano benissimo con la pallacanestro.

FOTO di Federico Rossini