Serie A – L’analisi, 26esima giornata: Milano vince il derby con Cantù e vola

Chi gode davvero, in vista del rush finale post All Star Game, è la Montepaschi Siena, che si lascia alle spalle Brindisi e Cantù. Chi ora vede il baratro è invece Pesaro: i marchigiani escono sconfitti dal match casalingo contro Cremona, che si smarca definitivamente dalla lotta salvezza. Ottima prova balistica dei ragazzi di Pancotto, trascinati da Rich e Jackson. Nota di merito di giornata all’altra squadra che si avvantaggia della sconfitta di Pesaro: la Sutor di coach Recalcati, in settimana più volte giustamente, sotto i riflettori. Prova di cuore quella della Sutor nell’anticipo del sabato. E’ nel finale che viene fuori il carisma gialloblù, con i padroni di casa che mettono in difficoltà Dyson e piazzano un decisivo 12-5 che forse vale la salvezza.

Finale caldo anche a Siena, con Haynes decisivo, mentre Diener sciupa nell’ultimo possesso. Qualche polemica in serata, con la Dinamo che ha fatto ricorso contro una decisione arbitrale maturata nel terzo periodo. Siena supera quindi Brindisi e Cantù, quest’ultima sconfitta sul parquet di Milano nel derby lombardo cui dedichiamo il nostro focus.

Più sotto ci pensano Varese e Pistoia a infuocare la volata playoff. I lombardi battono Caserta, grazie a un’ottima prestazione del solito Adrian Banks e all’ottimo apporto del nuovo arrivato Terrell Stoglin, che toglie i suoi dalle difficoltà nel terzo periodo. I toscani fanno lo sgambetto a un’acciaccata Venezia al Taliercio. Pazzesca la prova di Brad Wanamaker, che ne mette 28 con 6 assist, per una valutazione di 31.
Finisce nella polemica la partita degli ex ad Avellino, in cui comunque per quasi tutti i 40’ è la Bologna dell’ex Valli a condurre i giochi. Nuova cocente delusione per gli irpini, per cui i playoff sono sempre più un miraggio.

LA PARTITA

 
 EA7-EMPORIO ARMANI MILANO  ACQUA VITASNELLA CANTÙ
 76  71

Cinque uomini in doppia fila (sempre in assenza del miglior talento offensivo, Keith Langford), più Hackett a quota 9, sono già un buon inizio per comprendere le ragioni della vittoria di Milano e del suo sempre più conclamato dominio in campionato: l’EA7 è una squadra, e l’ha dimostrato contro quella che forse è la seconda compagine più coesa del campionato, che tuttavia stasera ha dovuto affidarsi al solo Joe Ragland (27 per lui), salvo l’ottimo ultimo periodo di Stefano Gentile, insufficiente comunque per fare lo sgambetto a Milano.
Ed è proprio solo Ragland a tenere in piedi i suoi nel secondo periodo, in cui si consuma il primo serio break della partita. Cantù perde troppi palloni e si affida ad azioni individuali, mentre Milano trova la testa di Hackett e la capacità realizzativa di Curtis Jerrells (7 punti nel secondo periodo). Si prosegue sulla stessa linea nel terzo quarto, in cui Milano trova il massimo vantaggio a +15 in concomitanza con l’uscita dal campo di Ragland. Cantù resta una vita a quota 45, mentre Hackett e Moss puniscono.
Banchi fa rifiatare Hackett, lasciando la squadra in mano a Jerrells per parte dell’ultimo periodo: scelta azzardata, che porta a 5 perse e alla rimonta canturina, arrivata a -4. Stefano Gentile non si ferma, ma al rientro di Hackett bastano due possessi difensivi come si deve per chiudere il match: Gentile (poi infortunatosi ricadendo) e Moss segnano subendo fallo. Ci prova ancora Aradori ma non basta: 15 le vittorie consecutive di questa Milano ancora imbattuta nel girone di ritorno, che ha comunque trovato in Cantù una delle pochissime possibili rivali.

I NUMERI DELLA PARTITA
16 – Moss PUNTI Ragland – 27
7 – Hackett RIMBALZI Leunen – 8
7 – Hackett ASSIST S. Gentile, Uter, Jenkins, Ragland – 2
17 – Hackett VALUTAZIONE Ragland – 25

EA7-EMPORIO ARMANI MILANO – ACQUA VITASNELLA CANTU’ 76-71
Milano: Gentile 13, Cerella 2, Melli 11, Restelli ne, Hackett 9, Kangur 2, Athinaiou ne, Samuels 10, Wallace ne, Lawal 2, Moss 16, Jerrells 11. All.: Banchi
Cantù: Abass 2, Uter 6, Rullo, Leunen 5, Jenkins, Buva 2, Marconato ne, Ragland 27, Aradori 13, Cusin 2, Gentile 14. All.: Sacripanti

ALTRI RISULTATI e CLASSIFICA

 EA7-EMPORIO ARMANI Milano  42  CIMBERIO Varese  22
 MONTEPASCHI Siena  36  SIDIGAS Avellino  22
 ACQUA VITASNELLA Cantù  34  GIORGIO TESI GROUP Pistoia  22
 ENEL Brindisi  34  UMANA Venezia  22
 BANCO DI SARDEGNA Sassari  32  GRANAROLO Bologna  22
 ACEA Roma  30  VANOLI Cremona  20
 GRISSIN BON Reggio Emilia  24  SUTOR Montegranaro  16
 PASTA REGGIA Caserta  24  VICTORIA LIBERTAS Pesaro  12